Malasanità: ad oggi troppi errori, meglio tutelarsi

malasanità_1600x440-1024x282

La malasanità è una carenza generica della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Sempre più frequenti sono i casi dove spesso la salute del paziente viene gravemente compromessa, la causa è quasi sempre è data da negligenza, imprudenza, imperizia, ovvero inosservanza di leggi e regolamenti da parte di medici, chirurghi ed infermieri. Gli ultimi dati del Ministero della Salute italiano dichiarano che nell’ultimo anno 6 sono stati gli interventi chirurgici nei quali è stato operato l’arto sbagliato, 16 gli interventi effettuati in pazienti che invece dovevano essere sottoposti ad altri interventi diversi, 159 garze o materiali chirurgici sono stati dimenticati all’interno dei pazienti, pazienti dei quali 139 sono poi deceduti e 471 sono state le cadute in ospedale con differenti conseguenze.

La colpa del medico è comprovata quando lesa l’integrità psico-fisica di una persona o ne viene causata la morte. La prima forma di risarcimento da danno medico è l’omissione del diritto informato : il paziente deve essere reso pienamente noto su diagnosi, tipo di intervento che dovrà subire, rischi, conseguenze ed eventuali alternative. In assenza di consenso può essere richiesto un risarcimento.

Malasanità-la-colpa-grave-del-medico-rimane-reatoL’errore in corsia è al primo posto tra le denunce, dopo la sala operatoria. Le complicanze possono essere : reazioni allergiche ai farmaci, infezioni, e la frequente dimenticanza di garze / ferri chirurgici nella ferita aperta.

Il  reparto di ginecologia e prenatale sembrano anch’essi essere nell’occhio del ciclone. L’ ente ospedaliero deve garantire le stesse cure sia alla madre che al bambino: alla gestante tutto ciò che le consenta un parto sicuro, al bambino le prestazioni necessarie per farlo nascere.

Il risarcimento per danni da errore medico si prescrive in ben 10 anni. In caso di riconoscimento della responsabilità da parte dell’operatore sanitario, il rimborso copre anche tutte le spese sostenute conseguenti al danno.

Se si vuole ricorrere ad un risarcimento, la condizione fondamentale per procedere è conservare tutta la documentazione sanitaria del caso e le ricevute delle spese sostenute.

Prima di prendere qualsiasi tipo di scelta a riguardo, è fondamentale affidarsi ad uno studio legale come Auto Gest. Esso verificherà mediante consulenze medico legali la reale responsabilità medica. Nel caso di interazione di una causa civile, i tempi di attesa sono di tre anni. Se il danno è particolarmente grave e derivante da azione delittuosa (negligenza, imprudenza, imperizia) che comporti responsabilità penali, Auto Gest procederà anche ad avviare un’azione penale con conseguente richiesta di sequestro immediato delle cartelle cliniche ed accertamenti specifici da eseguirsi con l’ausilio di un consulente tecnico di parte medico legale, a tutela degli aventi diritto.

Auto Gest è sempre pronto a tutelarti!

CONTATTACI

Posted on 23 aprile 2018 in Senza categoria

Share the Story

About the Author

Leave a reply

Back to Top
8 Marzo

post sponsorizzato 2

×